Botta e risposta con il Codacons

A seguito del mio post sulla questione che ha toccato da vicino la Presidente Boldrini, relativamente al suo viaggio in Sudafrica per il funerale di Nelson Mandela, rispetto alla denuncia presentata dal Codacons con l’accusa di aver portato sul volo di stato il marito, ho ricevuto un comunicato dall’Ufficio Stampa dell’associazione dei consumatori, che riporto e a cui rispondo.

Gentile Montanaro,

In genere evitiamo di rispondere a chi ignora del tutto i fatti (e in tal senso può definirsi pacificamente “ignorante”), ma stavolta faremo una eccezione. Ne sia lusingato.

Innanzitutto non è “LA” Codacons ma “IL” Codacons (primo indizio di ignoranza da parte sua).

In secondo luogo, ci chiediamo dove lei si trovasse quando il Codacons ha denunciato l’utilizzo scorretto dei voli di Stato da parte di altri – e numerosi – esponenti politici. Forse, trattandosi di personalità estranee al partito di sua appartenenza, all’epoca non ha trovato così ridicole le ns denunce. Semplificando: il Codacons le sta bene quando denuncia Berlusconi, ma improvvisamente diventa ridicolo quando per gli stessi motivi attacca un politico di sinistra. Complimenti per la coerenza.

Terzo punto: stia pure tranquillo. Non un euro dei suoi soldi e’ stato speso per l’esposto contro la Boldrini. Il Codacons non riceve finanziamenti pubblici a carico del bilancio dello Stato, e vive del sostegno dei propri iscritti, consumatori – loro si – intelligenti che appoggiano le ns battaglie e sono interessati a sapere se i politici (anche quello di sinistra a lei tanto cari) fanno un corretto uso dei soldi pubblici.

Quarto e quinto punto: evidentemente lei ignora del tutto chi sia o cosa faccia il Codacons. Altrimenti saprebbe che, in quanto associazione dei consumatori più importante d’Italia, di visibilità ne ha fin troppa (e il suo post lo dimostra). Vada sul ns sito e legga la ns rassegna stampa. Allo stesso modo ignora – e questo e’ il punto più importante e più grave – che è nostro preciso dovere statutario interpellare le autorità competenti chiedendo indagini e verifiche quando anche solo si profila la possibilità di uno scorretto utilizzo del denaro pubblico. Questo e’ il nostro ruolo e la nostra funzione. Anche quando, come in questo caso, siamo costretti a chiedere accertamenti su persone a lei “vicine”.

Certi della pubblicazione integrale di questo nostro messaggio sul suo blog, porgiamo cordiali saluti.

Ufficio stampa Codacons
Stefano Zerbi

Spett.le Codacons,

sono lusingato, con sincerità, per la vostra risposta che mi è stata inviata via email il 20 dicembre, a seguito del mio post relativo al “caso Boldrini”, a cui ora risponderò punto per punto.

Premetto che il mio post non usava toni abbastanza moderati, ma mi aspettavo che da una posizione “ufficiale”, quale quella dell’Ufficio Stampa, si potesse ottenere un atteggiamento rispettoso verso la persona, senza offese personali, e un sano dibattito basato non su luoghi comuni (siccome sei di sinistra, allora tutti quelli di sinistra sono intoccabili, ecc..ecc..) ma su delle argomentazioni serie e concise. Proverò a correggere il tiro.

Mi avete dato (uso il plurale, Sig. Zerbi, perché lei ha parlato a nome del Codacons) dell’ignorante, per aver usato “LA” anziché “IL”, nel citare il vostro Coordinamento. Chiedo scusa per questo errore madornale che mi ha costretto a rimuginare su tutti gli anni in cui ho studiato grammatica italiana, con angosciante rimorso sono tornato a studiarla, riprendendo i libri delle elementari.
Le faccio presente, senza offesa, che l’aver posto l’articolo determinativo al femminile singolare era riferito alla vostra forma giuridica, quale appunto “associazione” (ossia persona giuridica, le cito l’Enciclopedia Treccani: La persona giuridica è quell’organismo unitario, caratterizzato da una pluralità di individui o da un complesso di beni, al quale viene riconosciuta dal diritto capacità di agire in vista di scopi leciti e determinati.) Perciò mi perdonerete se ho sottinteso il termine “associazione”, quando vi ho citati. Ora ho le conoscenze per non commettere più errori, vi ringrazio.

In secondo luogo, ci chiediamo dove lei si trovasse quando il Codacons ha denunciato l’utilizzo scorretto dei voli di Stato da parte di altri – e numerosi – esponenti politici. Forse, trattandosi di personalità estranee al partito di sua appartenenza, all’epoca non ha trovato così ridicole le ns denunce. Semplificando: il Codacons le sta bene quando denuncia Berlusconi, ma improvvisamente diventa ridicolo quando per gli stessi motivi attacca un politico di sinistra. Complimenti per la coerenza.

Mi rincresce dover rispondere ad insinuazioni di questo genere, ma vorrei sottolineare come ho sempre combattuto, dal primo giorno in cui ho deciso di far politica in un partito, abusi di ogni tipo da parte di esponenti di destra, di centro e di sinistra, anzi, vi dirò di più, se devo criticare, preferisco iniziare da casa mia, prima di guardare gli altri (chi, sciaguratamente, legge il mio blog, può confermarlo). È questione di buona educazione e di coerenza, quella coerenza per cui voi mi fate i “complimenti” e, per questo, ve ne sono grato.

Cercate, per caso, di accostare il caso riguardante la Boldrini, con quello di Berlusconi (giusto per citarne uno tra molti)? Vediamo di ricapitolare: la Presidente della Camera ha viaggiato su un volo di stato, con l’AIRBUS in dotazione, assieme al Presidente del Consiglio, con relativi coniugi e staff al seguito. Un solo aereo è stato utilizzato e da quanto riportato dall’Ufficio Stampa della Camera, non ci sono state ulteriori spese, a segutio della rinuncia all’indennità di missione e al non pernottamento, vista la permanenza a Johannesburg per una sola giornata e il viaggio nella notte, sia all’andata che al ritorno. Di seguito il comunicato:

Ufficio stampa su cerimonia commemorativa Mandela (13/12/2013)

In relazione ad alcune notizie stampa riguardanti la partecipazione della Presidente della Camera dei deputati alla Cerimonia commemorativa solenne dell’ex Presidente Sudafricano Nelson Mandela, che ha avuto luogo il 10 dicembre a Johannesburg, si precisa quanto segue:
– la Presidente della Camera dei deputati e coloro che l’hanno accompagnata sono stati ospitati sul volo del Presidente del Consiglio dei Ministri;
– non vi sono state dunque spese di viaggio, né vi è stata alcuna spesa di soggiorno, dal momento che la delegazione ha viaggiato di notte sia all’andata che al ritorno.
Si precisa altresì che tutto lo staff della Presidente, compreso il Capo del Cerimoniale, aveva già rinunciato alla corresponsione dell’indennità di missione, in considerazione della particolarità dello storico evento.
L’indennità di missione corrisposta al personale di scorta ammonta complessivamente a 300 euro circa.

Volete forse accostare il gesto del Presidente Boldrini, a questo?

Sapete chi è quell’uomo alle spalle di Berlusconi? Il latitante Lavitola, un delinquente su un aereo della Repubblica Italiana. Cosa ha di analogo con quanto voi vi apprestate a denunciare in questi giorni?
Perciò il Codacons mi sta bene quando, giustamente, pone in evidenza dei possibili abusi, ma solo quando a monte c’è una ponderazione indiscutibile. Questo caso è un buco nell’acqua, a mio avviso, perché così non fate altro che stuzzicare, in modo irresponsabile ed inutile, il campanello d’allarme dell’opinione pubblica, già duramente sotto pressione, a seguito della crisi economica e degli scontri avuti in questi giorni, per tutta la Penisola.

Terzo punto: stia pure tranquillo. Non un euro dei suoi soldi e’ stato speso per l’esposto contro la Boldrini. Il Codacons non riceve finanziamenti pubblici a carico del bilancio dello Stato, e vive del sostegno dei propri iscritti, consumatori – loro si – intelligenti che appoggiano le ns battaglie e sono interessati a sapere se i politici (anche quello di sinistra a lei tanto cari) fanno un corretto uso dei soldi pubblici.

Io sono tranquillissimo, dai toni utilizzati, sembrate voi un po’ agitati, ma tralascio questo particolare. Non ho assolutamente fatto riferimento al vostro bilancio ed a possibili finanziamenti pubblici. Il mio è un ragionamento semplice: se questa denuncia dovrà essere posta al vaglio dell’autorità giudiziaria, questo comporterà spese per la giustizia e quindi per le casse pubbliche. Punto. Nessun concetto fuorviante, nelle mie parole.
Voi ritenete “intelligenti” coloro che appoggiano le vostre battaglie, allora mi chiedo cosa siano, invece, quelle persone che non si affidano a voi e che non hanno mai sostenuto le vostre battaglie. Sono stolti? Ignoranti anche loro?
Vorrei sottolineare, che l’interesse verso il sistema politico, verso la spesa pubblica, deve partire, prima di tutto, dal tempo che una persona spende per scegliere chi votare. Ecco perché sono favorevole al ritorno al voto di preferenza, alle Politiche, così da poter avere un contatto diretto dei cittadini con i loro rappresentanti e non dover cadere più nel tranello “IMU sì, IMU no”. Questo vale per la destra, il centro e la sinistra. Basta luoghi comuni.

Quarto e quinto punto: evidentemente lei ignora del tutto chi sia o cosa faccia il Codacons. Altrimenti saprebbe che, in quanto associazione dei consumatori più importante d’Italia, di visibilità ne ha fin troppa (e il suo post lo dimostra). Vada sul ns sito e legga la ns rassegna stampa. Allo stesso modo ignora – e questo e’ il punto più importante e più grave – che è nostro preciso dovere statutario interpellare le autorità competenti chiedendo indagini e verifiche quando anche solo si profila la possibilità di uno scorretto utilizzo del denaro pubblico. Questo e’ il nostro ruolo e la nostra funzione. Anche quando, come in questo caso, siamo costretti a chiedere accertamenti su persone a lei “vicine”.

Ancora con questi luoghi comuni! “A lei ‘vicine'” cosa? Io ho una mia storia personale (se pur ancora giovane) e non vedo come si possa credere di poter definire due persone “vicine” per il semplice fatto di far parte  di un’aera politica. La maggior parte delle più forti discussioni che ho avuto in politica, le ho consumate  con coloro che fanno parte del mio partito e della mia area politica. Mi dovrei considerare vicino a loro? Io sono vicino alle mie idee, grazie alle quali condivido scelte e percorsi, e questo mi basta.
Sono a conoscenza del vostro “dovere statutario” di interpellare le autorità competenti in caso di possibili abusi, ma mi chiedo dove sia l’abuso, in riferimento alla suddetta vicenda. Mi permetto di aggiungere che non sono l’avvocato di Laura Boldrini e che non sono stato inviato da nessuno a prenderne le sue difese, qui non si parla della Boldrini, ma di una “Boldrini”, donna o uomo qualsiasi che fa il suo lavoro e che con coerenza paga di tasca sua gli spostamenti, anche per funzioni di mandato.
Ultimo passaggio: le vostre interpellanze chiedono “indagini e verifiche” – credo di aver letto bene – e allora mi chiedo se quanto sostenuto da me, qualche riga più su, sullo spreco di risorse per la giustizia, non sia vero, quando l’interpellanza riguarda un “non-abuso” e visto che non ci vuole uno scienziato per capirlo.

Detto questo, spero di aver risposto, punto per punto, al vostro comunicato, con la speranza di poter discutere con toni che vanno oltre le persone e che ci si concentri sulla questione, non irrilevante e che, per questo, merita una seria analisi. La mia l’ho conclusa e concludo questo post con le parole della Presidente Laura Boldrini, per completezza di contenuti.

Cordiali saluti.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •