Tag: brexit

E il Regno Unito che fa? Spallucce!

Sono passati più di 6 mesi dal Referendum sulla permanenza della Gran Bretagna nell’UE.Era il 23 giugno del 2016 e, ad oggi, si continua ancora a fare spallucce.

L’Alta Corte del Regno Unito (la nostra Corte costituzionale, per intenderci) ha rigettato il ricorso del Governo e ha chiesto, in modo inequivocabile, che ad esprimersi sia il Parlamento britannico sull’attivazione dell’art.50 del Trattato UE (meccanismo di recesso volontario di uno Stato membro).

Siamo tutti amareggiati, ancora, per la scelta assunta dalla maggioranza, se pur risicata, dei cittadini britannici ma è giunto il momento di assumersi le proprie responsabilità.

Si abbia rispetto verso le Istituzioni e i cittadini europei.

A thought to young britons. Un pensiero ai giovani britannici.

A thought to young britons and to my friends of UK who voted for remain in the European Union. We can’t forget our mission: a stronge Europe, an united Europe, the United States of Europe.
The oldest generations don’t believe in this political dream, doesn’t matter. In the next future, we’ll can redeem it and again we’ll be togheter citizens of Europe.


Un pensiero ai giovani britannici e ai miei amici del Regno Unito che hanno votato per restare nell’Unione europea. Non dobbiamo dimenticarci della nostra missione: un’Europa forte, un’Europa unita, gli Stati Uniti d’Europa.
Le generazioni più grandi non credono in questo sogno politico, non importa. Nel prossimo futuro, potremo riscattare quel sogno ed essere insieme, di nuovo, cittadini d’Europa.