I pensieri meridiani

Da lunedì scorso è online Post Meridiani. Un blog collettivo nella forma, ma qualcosa di più nella sostanza: uno spazio al servizio del Sud, quello vero, quello fuori dagli stereotipi, che non accetta di essere fanalino di coda di niente.

Dateci uno sguardo e magari salvatelo tra i preferiti o impostatelo come home del vostro browser. Magari un giorno parlerà di voi. Magari un giorno parlerà di tutto ciò che di bello e positivo c’è in questa terra. Ci sarebbe da scrivere un libro grande quanto tutti i libri di diritto messi insieme. E vi assicuro che non è poco. Noi abbiamo cominciato a farlo.

Ps. Ovviamente io continuerò a scrivere anche sul mio blog.

I ragazzi del Sud sanno stare sulle proprie gambe

da “la Repubblica.it[clicca qui]

di Davide Montanaro
Presidente Parlamento Regionale Giovani Puglia

Il Sud non ha bisogno di nessuno, ma di credere in se stesso.

Non c’è scossa che tenga per un popolo che ogni giorno combatte su più fronti le proprie battaglie, si alza all’alba e da il suo contributo al Paese e ne esce sconfitto, perchè bollato come il responsabile della crisi e fautore della criticità in cui riversa l’Italia da tempo.

Il Sud non è quello che racconta chi, sentendosi Dio sceso in terra, pensa che l’intervento dall’alto possa far emergere quell’energia necessaria per accendere il motore del riscatto e ripartire.

Il Mezzogiorno d’Italia ha bisogno di credere nelle proprie capacità, nelle proprie risorse. Se oggi J.F.K. fosse qui, in Italia e si fosse trovato davanti ad una platea di meridionali, avrebbe sicuramente esordito dicendo: “non chiedetevi cosa possa fare l’Italia per il Mezzogiorno, ma chiedetevi cosa possa fare il Mezzogiorno per l’Italia” e da qui nasce l’intento di ricostruire, di sentirsi responsabili del futuro del proprio territorio, della propria nazione.

Dalla Puglia alla Sicilia, passando per la Campania e la Sardegna, un immenso laboratorio si estende nel Mediterraneo, piantando le radici nello sviluppo di nuove idee, sostenendo l’innovazione che riesce a coniugare territorio all’interesse generale del Paese. In Puglia, ad esempio, Principi Attivi e Bollenti Spiriti sono solo piccoli ma grandi esempi di come la buona politica possa rendere un’idea innovativa il modo per rivalutarsi e distruggere quell’idea malsana e poco realista di un Sud piegato dalla raccomandazione e dai favoritismi, focolaio di un sistema corrotto e corrosivo per l’intera Penisola.

Migliaia di ragazze e ragazzi sono lì, dove nessuno avrà mai il coraggio di essere, perchè nel Sud il riscatto è iniziato e la scintilla è arrivata dalla lotta alle mafie, fronteggiando a volto scoperto la criminalità organizzata.

Parlare di meritocrazia, oggi, significa non aver compreso che prima della meritocrazia c’è l’uguaglianza di base che in Italia non c’è, a partire dalle scuole e dalle università.

Io voglio poter studiare al Sud ed essere considerato preparato e pronto al mondo del lavoro quanto uno studente del Nord o di chi, meridionale, ha avuto la fortuna di poter frequentare una università del Nord.

Per l’ennesima volta c’è chi crede che il Sud sia un blocco unico, con stessi problemi, con un modo di agire e pensare che è insito dentro ogni singolo meridionale, ma in realtà la situazione è molto complessa nel suo modo di presentarsi.

Ora basta. Ecco perchè il Mezzogiorno d’Italia ha scelto Pier Luigi Bersani, perchè c’è bisogno di un messaggio netto, che parli di credibilità, orgoglio ritrovato e tanta voglia di crescere, partendo dalla formazione di una nuova classe dirigente che guardi negli occhi i problemi del proprio territorio e si sappia fronteggiare con il resto del Paese, perchè l’Italia parte dalle Alpi e finisce a Lampedusa e si è uniti nella buona e nella cattiva sorte, sempre.

[column size=”1-5″]
[/column] [column size=”1-5″] [/column] [column size=”1-5″] [/column] [column size=”1-5″] [/column] [column size=”1-5″ last=”1″] [/column]

Liberalizzare lo sviluppo

Sul piano delle liberalizzazioni, il Governo Monti sta affrontando un dibattito serio, soprattutto in vista delle diverse proteste che si stanno radicando su tutto il territorio. Dai tassisti ai farmacisti, passando per i servizi pubblici, come, ad esempio, i treni.
I treni? Liberalizzare i treni? Prima di liberalizzare i treni, bisognerebbe liberalizzare la politica, quella politica che ha messo un veto sullo sviluppo del Mezzogiorno, che impedisce alle popolazioni del Sud di essere fruitori di una linea ferroviaria super veloce, come FrecciaRossa. Come si può parlare di avanzamento della tecnologia, per l’Italia? Quando l’alta velocità si ferma a Napoli? Quando in Puglia è in atto una guerra tra istituzioni locali e Trenitalia, per aver ridotto il numero dei treni a lunga percorrenza? E il resto del meridione?
Diminuiscono i costi dei biglietti? Migliorano i servizi? Ma i treni? Li mettono i privati? E la manutenzione della rete ferroviaria? Liberalizziamo anche la manutenzione? Oppure l’autorizzazione per avviamento di pubblico servizio, implica che ogni compagnia si debba aggiustare le linee ferroviarie di suo interesse?
A breve ci toccherà liberalizzare le carrozze e i cavalli, l’assalto al treno, da ora, arriverà dalle diligenze.