Un giovane, democratico per caso

Gianmarco spiega bene quali sono le sue ragioni e cosa ha potuto constare nella sua giovane esperienza nel partito (simile alla mia, del resto).

Il suo territorio è stato teatro di brogli al tesseramento del PD, ve lo ricordate ancora il caso di Frosinone? Bene, Gianmarco, come me, pensa che sia arrivato il momento di dare un taglio a questi autogol pazzeschi.

Quando incominciamo a prendere la scopa e a spazzare via un po’ di muffa?

Breve lettera agli adulti del PD.

Indirizzata a tutti i responsabili dello schifo di questi giorni.

Egregi adulti del PD,

sia ben chiaro, adulti per una questione di età, più che di saggezza. Non offendetevi, ma ora capirete il perché di questa mia posizione.

Sono ormai più di tre anni che combatto quotidianamente per questo partito e non pensavo di dover combattere, un giorno, contro lo stesso. Combatto perché non posso accettare in nessun modo quanto sta accadendo in tutta Italia, nei circoli, nelle federazioni provinciali. Combatto perché ho una dignità che mi spinge a calpestare violentemente l’uso improprio che molti di voi stanno facendo del tesseramento, per una lotta interna tra correnti, tra vecchi ex, tra capibastone. Che vergogna.

Mi dispiace per voi, cari adulti del PD, ma non è questo l’esempio che avreste dovuto dare ai giovani militanti, a chi è rimasto fuori ad osservare prima di prendere una decisione sul tesserarsi o meno (allontanandolo spaventato, inesorabilmente).

Avete fallito. Fallito nella vostra vita politica, siete i primi responsabili del tracollo del nostro Paese, perché non siete riusciti a creare un soggetto politico capace di sanare il vuoto che il berlusconismo ha creato nel Paese. Avete fallito perché non siete moralmente superiori a nessuno, ma credete l’esatto contrario. Con che faccia criticate un elettore di Berlusconi, se voi siete la fotocopia di un modo di intendere la politica e il partito?

La differenza tra il partito di Berlusconi e il vostro, che voi avete plasmato (e che noi demoliremo per ricostruirlo da zero), sta nel fatto che per uno c’è solo un leader, per l’altro, ogni circolo ne ha 3 o 4. La sostanza non cambia, anzi, peggiora.

Cari adulti del PD, io sono un giovane del PD. Non lo dico per vantarmi, perché io e, come me, tanti altri ragazzi abbiamo un fardello molto più grosso e pesante del vostro: noi dobbiamo combattere, non solo, contro vecchie logiche politiche ma anche e soprattutto contro i nostri coetanei che ci credono vecchi perché impegnati in un partito.

Cari adulti del PD, abbiate un minimo sussulto di dignità: dimettetevi da qualsiasi carica politica e chiedete scusa alle vittime dei vostri interessi, chiedete scusa a chi crede veramente nel PD e nei congressi, come momento cardine per il rinnovamento del partito e quindi dell’Italia. Così non sarà e questo mi dispiace.

Cari adulti del PD, abbiate fede, qualcuno darà vita al vero PD. Una cosa è certa: non saranno coloro che giocano con il tesseramento.

Saluti.

Il “genio” del regolamento

Vorrei semplicemente sottolineare un piccolo concetto che ho in mente da un po’ e che mi fa saltare alla mente una proposta che feci (più che altro una provocazione), la quale ha ricevuto, a suo tempo, non poche critiche, che rispetto tutte. Ma a quelle persone, che erano così scettiche di quel modus operandi per i congressi di circolo, vorrei far notare quanto sta accadendo in Italia, nel Partito Democratico “in carne ed ossa” o, proprio per tutto questo trambusto, dovrei dire “in pacchetti di tessere e accordi sottobanco”.

Si vuole far credere che il modo con cui si stanno celebrando i congressi nei territori sia il modo più naturale possibile per un partito al passo con i tempi. Che sciocchezza inaudita. Credevo che fosse una provocazione bella e buona la mia, ma non mi aspettavo di vedere quanto da me ipotizzato, mostruosamente elaborato dal tanto mostruoso “genio” di coloro che hanno varato il regolamento per i congressi di diverso livello.

Volete farmi credere che far tesserare le persone che vengono a votare, anche lo stesso giorno delle votazioni, sia il parametro di garanzia per questi congressi? Semplicemente sono congressi a 15€. Ma questa è roba da gomblottisti, da bambini che giocano alla politica e che non sono pronti o non capiscono cosa significa realmente il “pacchetto di tessere”.

Io pacche sulla spalla da chi giustifica i pacchetti di tessere non ne accetto, forse dovrei dire che pacche sulla spalle non le accetto comunque, ma provate a farlo (intendo a tutti coloro che si stanno ribellando per lo schifo che sta succedendo in ogni parte della Penisola) e sono sicuro che non vi funzionerà un arto (metaforicamente parlando, anzi, politicamente parlando).

Saluti.

Ps: con ciò non volevo manifestare il mio stupore, anzi, volevo semplicemente mettere nero su bianco quello che mi frulla nella testa su questo maledettissimo gioco di tessere e di poltrone. Ri-saluti.

Chi ce l’ha più grosso

Stamattina vengo a conoscenza di un episodio vergognoso a discapito dei Giovani Democratici di un circolo di Taranto, il “Primo Maggio”: è stata loro impedita la possibilità di votare al congresso di circolo perché hanno cercato di presentare una loro candidatura a segretario di circolo. A Stefania Caracciolo ed a Paolantonio Palumbo va la mia vicinanza per quanto stanno facendo sul territorio. Una battaglia di civiltà è la priorità massima per salvare il Partito Democratico dal baratro e va sostenuta fino alla fine.

Come se non bastasse leggo che Marco Sarracino, segretario dei GD della Provincia di Napoli, è stato schiaffeggiato da un consigliere del PdL intento a fare tessere del PD per il Congresso. Come dice un mio caro amico, ormai oltre al Governo, si parla anche di tesseramento di larghe intese. Apostrofare l’accaduto come un caso isolato e folkloristico è l’errore più grande che possiamo fare. Non è affatto folkloristico, ma ignobile, indicibile e non è un caso isolato, perchè in tutta Italia gli appuntamenti congressuali si stanno trasformando in una farsa, in una resa dei conti tra correnti locali, in una gara a chi ce l’ha più grosso (il pacchetto di tessere, sia chiaro).

Cosa vogliamo trarre da quanto sta accadendo nel partito? Che sia tutto normale? Possiamo continuare a tollerare questa immondizia? Possiamo pretendere, sì o no, che questa gente vada presa a calci nel culo e cacciata dal partito? Possiamo? È nostro diritto chiederlo? Capisco il dover essere moderati, ma l’immondizia o la butti o te la mangi ed io sono indigesto e come me moltissimi giovani impegnati, ogni giorno, nel partito, per dare un volto pulito e sincero ad un PD perso e mangiucchiato dai vermi del potere degli interessi personali. Che sia la volta buona che molti di noi aprano gli occhi e che si ponga fine a questa farsa. In Italia quello che serve è un CIE, non per gli immigrati (che di sofferenze ne vedono troppa) ma per gente come questa, un sistema che identifichi ed espelli dal partito chi, di questo partito, ha sempre avuto una idea strumentale, al servizio dei propri interessi.

Saluti.