Browse By

Ads.

Habemus victoriam!

Volevo lasciare il mio parere per quanto riguarda le Amministrative di quest’anno. Sono state un’esperienza bellissima, interessante e soprattutto capace di trasmettere la voglia di rimettersi in gioco e di riscoprire quei valori e quei sogni che da fin troppo tempo, avevamo lasciato nel cassetto, chiuso a chiave con il berlusconismo dissennato che attanagliava la nostra società e il nostro essere.
La situazione paradossale che ha dato la possibilità di far assimilare al centrosinistra, quella voglia di rimettersi insieme e di abbattere definitivamente il vero cancro del nostro Paese, a differenza di ciò che afferma B., dove per lui il male più grande è la magistratura, unica vera fonte di garantismo in questa Italia dalle mille sfaccettature, è il berlusconismo e tutto quanto il sistema che esso comporta.
Ma la vera fonte da cui dobbiamo trarre insegnamento è il messaggio con cui i cittadini hanno accompagnato le elezioni dei diversi sindaci, soprattutto quelli di centrosinistra: “Noi siamo qui. Controlleremo tutto quello che farete e se ce ne sarà bisogno saremo in piazza a dire la nostra, a proporre una visione differente dalla vostra”. Tutto questo non può che inorgoglirmi di essere italiano. A tutto questo, sembra strano, va dato indirizzo di nascita proprio a lui, B., che dopo aver preso per i fondelli gli italiani per ben 20 anni, ora la società civile si è svegliata e ha dichiarato il suo massimo stato di allerta e la sua attenzione verso la politica, inserendo progetti innovativi ma soprattutto con la capacità critica e sostanzialmente coerente con tutto quanto il movimento di cittadini, uomini, donne, ragazze e ragazzi, che dal primo istante hanno gridato un NO a questa farsa che fino ad ora si presentava come la vera politica.
Il colore arancione è il simbolo di un cambiamento radicale e di speranza, l’Italia passa dal celeste e rosso, all’arancio, un colore che nasce dalla fusione di due colori primari, due colori che simboleggiano qualsiasi aspetto brillante di una politica che sta cambiando.
Milano, Napoli, Cagliari e tutti gli altri comuni in cui il centrosinistra è riuscito ad abbattere Berlusconi e i suoi candidati sono solo l’inizio. Cambiamo veramente, vogliamolo, decidiamo il nostro futuro. Noi siamo qui, ci impegneremo ogni giorno. Forza! Ci siamo quasi!
Il prossimo appuntamento è il 12 e 13 giugno, in tutta Italia, l’ultima scossa a questo Governo: IL REFERENDUM! Votiamo i 4 quesiti, con un sonoro “Sì”, per abrogare le leggi porcata che questa, ormai non più, maggioranza vuole consegnare al futuro di questo Paese. Noi lo impediremo.