Menu

Lettera a Bersani – Finalmente Sud

Ieri, a “Finalmente Sud”, ho consegnato nelle mani di Bersani questa lettera. Buona lettura!

———

Caro Segretario Bersani,
credo, in questo momento, di parlare a nome di tutti i giovani meridionali presenti qui, oggi.
Grazie davvero per tutto questo, grazie per averci dato la possibilità di sentirci protagonisti e parte viva del Partito Democratico, in un momento in cui la politica viene vista, da noi giovani generazioni, come una palude, un mondo che non ci appartiene, distante, e forse, a volte, irraggiungibile, e nei peggiori dei casi, impossibile da cambiare.
Grazie per aver gridato all’intera Italia, specialmente verso chi fomenta secessioni che mai si realizzeranno, perché glielo impediremo, che il Sud è pieno di ricchezze, a volte nascoste, ma che sono in grado di potersi collocare tra i requisiti fondamentali per la crescita della Nazione.
Da oggi parte il nostro impegno formativo: un chiaro ed indiscutibile modo di ridare credibilità alla politica e a tutto ciò che ruota intorno ad essa.
“Finalmente Sud” non è un semplice evento targato PD, è molto di più, è uno schiaffo morale e, mi permetta, anche politico, verso chi utilizza una modalità di scelta della classe dirigente che non ha nulla a che vedere con la meritocrazia e la formazione, in grado di offrire a quell’individuo e all’intera comunità con cui andrà ad interagire, la possibilità di attingere esperienze e conoscenze necessarie per la vera costruzione del futuro del nostro Paese.
Con questa iniziativa, caro segretario, eviteremo di avere dirigenti marionetta, eviteremo, ad esempio, di avere futuri parlamentari che latitano sui problemi della popolazione, non solo per disinteresse, ma anche per l’incapacità di trovare soluzioni efficaci, e magari anche ministri che sono a conoscenza dell’inesistenza di un tunnel sotterraneo dal CERN al Gran Sasso.
Grazie, anche, per averci dato la possibilità di incontrare le nostre compagne e i nostri compagni del Mezzogiorno, con cui condividere esperienze, socializzare e crescere, perché la politica che vogliamo non é piena di personalismi, ma intrisa di collaborazione, una rete di idee che, se sommate tra loro, eguagliano la salvezza e la forza dell’Italia che verrà.
A chi fa della giovinezza la propria bandiera, credo si debba chiedere il rispetto verso coloro che, prima degli slogan, pongono la loro attenzione sulla formazione, perché a buttare giù un palazzo non ci vuole nulla, siamo bravi tutti, ma a costruirlo, se non sai il materiale che ti serve e quanto te ne serve, non vai da nessuna parte, la stessa cosa é la politica. Basta improvvisazioni, basta prestiti, chi deve amministrare la Cosa Pubblica deve avere svolto un suo percorso.
Noi sentiamo la responsabilità sulle nostre spalle, ce la faremo, e sono sicuro che da tutto questo, ancor prima di una lezione di politica, avremo imparato una lezione di vita che ci accompagnerà in futuro. Ci siamo tutti, diciottenni (come me), trentenni, tutti accomunati dalla passione verso la politica, la stessa passione, che non renderà invano “Finalmente Sud”, la stessa passione che ci porterà ad essere motore del cambiamento, tutti insieme.

Grazie segretario e grazie a tutto il Partito Democratico.

Firmato,

Davide Montanaro