Prima la politica. Poi le armi. Forse.

Prima la politica. Poi, semmai, le armi. Non il contrario.

Come non essere d’accordo con la posizione assunta dal nostro Paese riguardo l’intervento militare in Siria, Iraq e Libia.
Responsabilità significa porre questioni politica prima di quelle militari e il nostro Paese sta dando lezione di politica estera a tutta l’Europa e a tutto l’Occidente.

Non è assolutamente accettabile che la Francia possa considerare sua prerogativa quella di chiamare alle armi un altro Paese membro dell’UE, richiamando il Trattato di Lisbona dopo aver infranto ogni tipo di accordo internazionale, quando ha deciso, all’epoca, di bombardare la Libia assieme al Regno Unito, senza un piano ONU.

Matteo Renzi sbaglia ad appoggiare Al Sisi

Vi consiglio di leggere questo articolo di Francesca Borri pubblicato, poco fa, su Internazionale.


Al Sisi è uno statista, is a great leader, ha detto Matteo Renzi ad Al Jazeera a proposito del generale egiziano arrivato al potere il 3 luglio del 2013 con un colpo di stato che ha rovesciato il presidente democraticamente eletto Mohamed Morsi, e lasciato sull’asfalto quasi mille morti.

Da allora, Abdel Fattah al Sisi è protagonista non solo delle strade del Cairo, tappezzate di sue gigantografie, ma anche dei rapporti di Amnesty international. Dal colpo di stato alla fine del 2014, gli attivisti uccisi sono stati oltre 1.400. Quasi duemila gli arrestati, innumerevoli e imprecisati quelli spariti nel nulla. Centinaia i torturati. […]

Leggi tutto: Matteo Renzi sbaglia ad appoggiare Al Sisi – Francesca Borri | Internazionale

Dobbiamo essere intolleranti verso l’intolleranza

Emma Bonino, storica leader dei Radicali italiani, guida di tante battaglie, a livello internazionale, sui diritti umani e sui diritti civili, offre a tutti uno spaccato, una chiave di lettura che invito tutti quanti a tenere in considerazione, a farla propria. Io l’ho fatto e ci credo, perché la laicità deve essere la benzina della politica, contro “i talebani di ogni credo” (e per credo non intendo solo la religione, ma anche la fede politica, quella che chiamiamo spesso tifoseria).