Tag: salute

Quello che gli altri non vedono (o fanno finta di non vedere)

Simone Biles, campionessa olimpica statunitense, la più forte ginnasta (in attività) al mondo, ha deciso di non partecipare ad alcune delle attese gare olimpiche in programma a Tokyo 2020.

Ha ritenuto giusto ritirarsi, perché aveva bisogno di fare quadrato su sé stessa, potersi prendere cura della propria salute mentale. Un gesto che ha lasciato di sasso moltissimi. “Salute mentale?” sarà stata la domanda che ha riecheggiato nelle menti dei più. “Ma come, salute mentale? In che senso?”. Ecco, “in che senso”?

Spesso gli atleti sono presi come esempio di tenacia, equilibrio e impegno nel raggiungere i propri obiettivi fisici e, dunque, sportivi. Eppure, nessuno, almeno fino ad ora, si è posto il problema di cosa ci sia dietro il fisico scolpito e quella tenacia che contraddistingue i vincenti. Qualcosa che nessuno può vedere, eccetto l’atleta stesso: l’orgoglio ferito, l’ansia, lo stress, il desiderio di ritrovarsi in un altro posto, di voler tornare indietro per fare scelte diverse. Qualsiasi cosa che vi venga in mente e che meriti tutte le attenzioni del mondo, perché la salute mentale è fondamentale quanto e forse più di quella fisica.
Perché con una gamba o un braccio fuori uso, con impegno e voglia di riscatto, puoi riuscire a vivere serenamente e senza alcun ostacolo alla tua realizzazione. Ciò non può dirsi quando c’è qualcosa che non vada nella nostra testa: i limiti mentali sono difficili da superare con la sola volontà. Serve impegno e delicatezza, voglia di aprirsi agli altri e la fortuna di avere accanto persone in grado di ascoltarci e aiutarci.

Più di quanto possa ritenersi per quella fisica, la nostra salute mentale ha un estremo bisogno dell’altro. Non è una battaglia che possiamo vincere da soli, in un epico 1 contro 1. Abbiamo bisogno di qualcuno che ci prenda per mano e ci faccia sentire amati, accettati e compresi. Ecco perché la scelta di Biles è una scelta coraggiosa: perché, nella nostra società moderna, il tema della salute mentale è relegato agli ultimi posti, privato di qualsiasi rilevanza dinanzi agli sviluppi quotidiani della nostra vita. Eppure, è la cosa più rilevante tra tutte.

La stigmatizzazione è dietro l’angolo, la tendenza a chiudere nel guscio duro del tabù la salute mentale è elevatissima. Sono moltissime le persone incapaci di comprendere davvero quale sia il problema, eppure da qualche parte dobbiamo cominciare.

Titolo apparso su un quotidiano nazionale italiano

Qualche giornale italiano ha ritenuto corretto apostrofare il tutto con “Ho a che fare con i demoni”. Seppur ritengo questa trascrizione come un mal riuscito tentativo di tradurre in italiano le dichiarazioni di Biles (“demons” in inglese può significare anche “cattivi pensieri“), è probabile che non ci sia posti neanche il problema se tale traduzione fosse consona oppure no. In effetti, nei romanzi come nelle nostre narrazioni quotidiane, chi ha un problema mentale è un “pazzo”, uno “squilibrato”, un “folle”, uno da cui stare alla larga. Appunto, un “demone”.

Titolo del Times

La Biles, dunque, ha aperto uno squarcio su una fitta tenda di ipocrisia. Un gesto che trova la sua ispirazione anche in Naomi Osaka e nel suo ritiro dal Roland Garros, come ha avuto modo di ribadire la stessa ginnasta americana, in conferenza stampa.

Di salute mentale se ne deve parlare e bisogna affrontare il tema con assoluta maturità e lucidità, provando a dare risposte e soluzioni concrete, sostenendo chi ne ha bisogno e, soprattutto, chi non sa ancora di averne.

Per questo, a Simone Biles bisogna dire grazie. Grazie per aver avuto il coraggio di trattare un tema così delicato quanto importante.


Chi segue il blog o il sottoscritto da diverso tempo sa che del tema della salute mentale ne parlo da diverso tempo. Da ultimo, era stato oggetto della prima puntata del mio podcast, Ithaka. La trovate sulle principali piattaforme di streaming.

#worldAIDSday2016, c’è tanto ancora da fare

Oggi 1 dicembre è il #WorldAIDSday2016. L’HIV è ancora presente nel mondo e, secondo ultime ricerche dell’OMS e dell’UNICEF, 1 adolescente su 4 ne è affetto inconsapevolmente ed è pericolosissimo per lui e per potenziali contagiati, e ogni 2 minuti un giovane si contagia.

Controllarsi non costa nulla, difenditi per difendere il mondo dall’AIDS. Nei presidi ospedalieri è possibile fare il test dell’HIV gratuitamente. Non costa nulla e richiede pochissimo tempo. Fatelo.

15284080_10209529250341577_749523650338769417_n

Trasportiamo il futuro

Il trasporto pubblico è di rilevante importanza nel panorama sociale del nostro Paese e di ogni singola città della Penisola. Uno dei primi ambiti di lavoro, per un’amministrazione comunale, è senza dubbio la gestione dei trasporti pubblici. I collegamenti sono di vitale importanza e c’è da chiedersi cosa spinga i cittadini, ancora una volta, a diffidare, in alcune città, del trasporto pubblico.

Il trasporto pubblico è qualcosa di assolutamente positivo se, come punto di riferimento, prendiamo in considerazione la capacità di risparmio sui singoli soggetti per il carburante – per esempio a Bari c’è un risparmio di ben 700€ a persona, 4500 auto in meno in centro, 4819500g di Co2 di risparmio in emissioni, e tanta salute guadagnata dai cittadini.
Un servizio efficiente attira sempre di più il singolo individuo, alle strette con i diversi problemi finanziari che toccano le famiglie italiane, considerando anche che con 1€, a Milano, puoi girare per tutto il centro, e con un solo biglietto, poter usufruire dei servizi tram, bus e metropolitana, fino a raggiungere la meta.
Con la nuova Giunta Pisapia, il ruolo cardine della gestione dei trasporti pubblici è toccato a Pierfrancesco Marangiovanissimo, 31 anni, ma con una precedente esperienza da consigliere d’opposizione nell’Era Morattianabreve ma devastante periodo amministrativo.
Se Milano punta ai giovani per il trasporto, vuol dire che Milano ha compreso quanto serva il pensiero e il modo di vedere e di attuare provvedimenti di un giovane, l’innovazione è nel sangue delle nuove generazioni e sicuramente la Capitale del Nord tornerà ad avere un servizio pubblico ancora più efficiente di quello precedente.
Ma tornando al settore dei trasporti e alla filosofia di vita che porta con se, non c’è altro da dire, se non che il bus, il tram o la metropolitana, favoriscono una vita migliore per i cittadini, dal punto di vista economico, sociale e salutare.
Economico, perchè c’è un netto risparmio nel carburante, oltre che nelle spese di spostamento – ricordando l’esempio di Milano.
Sociale, perchè integra il cittadino nella vita quotidiana della città, mescolandolo alle altre persone, alle altre realtà della sua stessa località, innescando, di certo, un interesse verso le sorti del pubblico e dello sviluppo del bene comune.
Salutare, perchè con meno smog, meno stress a causa del traffico incessante, una bella passeggiata dalla fermata del bus all’ufficio fa bene alla circolazione e al corpo.
Cosa gira intorno ai trasporti? Il mondo, e di certo non si fermerà mai.

 

Diossina su letto di verdure

In Puglia ci sono 3 personaggi importanti, uno è Vendola, l’altro è Checco Zalone (appena salito sul palcoscenico) e l’ultimo è il sig. Diossina, con residenza a Taranto.

La diossina sta sconfiggendo l’uomo, il suo creatore, o meglio, il suo guru. A Taranto sono stati abbattuti ben 1600 capi di bestiame, perchè contenenti una percentuale di diossina superiore alla norma. L’ipocrisia dell’uomo spinge a creare sistemi di controllo e di mantenimento, anzichè di eliminazione perenne della produzione ed emissione di sostanze nocive nell’aria.

I cittadini si ribellano, creano class action per chiedere 3 miliardi di euro di danni, sbandierano il diritto alla salute e ciò che ricevono è una legge regionale che regola le emissioni fino ad un massimo di 2,5 nanogrammi a metro cubo, obiettivo finale, arrivare a 0,4 nanogrammi al metro cubo. Peccato che l’ILVA di Taranto non abbia ancora capito che se c’è la legge, bisogna rispettarla ed evitare problemi come quelli scoperti nei giorni scorsi.

“Una scoperta senza precedenti”, così il TG Leonardo sulla terza rete, oggi ha annunciato la scoperta da parte delle autorità preposte, peccato però che ad aver scoperto l’acqua calda, prima o poi si rimane scottati. La diossina a Taranto c’è da sempre, almeno da quando l’ILVA ha aperto i battenti.

L’ILVA, si proprio lei, la vera Taranto, la vera città, quello che chiamano città, oggi, in realtà è la periferia. L’acciaieria è grande il doppio di Taranto e le sue polveri arrivano dappertutto. Da casa mia, Noci (BARI), in lontananza si vedono le luci della bestia, nel balcone trovi cumuli di polvere, made in ciminiera.

Nella città pugliese, una delle più invivibili d’Italia, dove il rapporto spazi verdi/uomo è pari ad una foglia d’insalata, la diossina ha raggiunto il cuore dell’economia tarantina, le cozze.

Nella cozza tarantina è stata trovata una presenza di diossina superiore alla norma. La diossina è autorizzata nelle cozze fino ad un certo punto, poi suona l’allarme “abuso”. Ora andiamolo a dire a tutti gli amanti della cozza, del pesce crudo. Diciamolo ancora di più ai pescatori, a chi coltiva le cozze.

L’economia ha la stessa legge della giungla, il più grosso mangia il più piccolo. L’ILVA pur di campare, preferisce ammazzare la gente e l’economia tradizionale del Mar Piccolo.

Il Ministro Fazio, sentinella della sanità nazionale, blocca l’importazione di uova e carne dalla Germania, ma evita di fare controlli sul territorio nazionale, lasciando che i cittadini siano, relativamente, più tranquilli.

Prepariamoci a gustare un ottimo trionfo di cozze alla diossina, su letto di verdure contaminate, contornate da tagliata di vitello morto avvelenato, tutto in salsa rosa.