Politica
Mi sono rotto i maroni
30 maggio 2013 – 10:30
2

920189_10201306034438288_164037916_o

Siamo al 3° giorno di campagna elettorale e di boiate ne ho già sentite a sufficienza. Tutti a guardare la legge elettorale e a capire quanti seggi spettano al centrodestra e quanti al centrosinistra, sinceramente questo dibattito non mi appassiona e credo sia lo stesso per molti altri.

Il centrodestra si dimostra per quello che è: un ammasso di idiozie e tattiche kamikaze (come vedete nella foto). Cercano di evidenziare, inconsciamente, la performance del candidato sindaco Stanislao Morea che, a voler replicare quanto ho già detto in altre sedi, è stato preso a schiaffoni politici e morali dalla cittadinanza, dandogli meno voti delle sue liste.

Quando incominciamo a parlare di problemi, soluzioni, alternative? Io posso pure farlo su questo blog e vi invito a sfogliarlo per conoscere le mie idee in tal senso, ma la campagna elettorale non la si fa solo sul web e per quanto mi riguarda il centrosinistra ha compreso fino in fondo il valore della democrazia e per questo non rimarremo con le braccia conserte a parlare di idiozie. L’invito è rivolto in via esclusiva al centrodestra, ma si può chiedere ad un asino di mangiare con la forchetta? Proprio no.

Vi aspettiamo ai nostri prossimi eventi, così facciamo chiarezza massima su questa legge elettorale ma ancora di più riapriamo il dibattito sul bene comune.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • F.

    Da elettore di CSX e sostenitore del PD mi sembra abbastanza ipocrita da parte tua chiedere agli avversari di parlare di problemi del paese mentre tu stesso non lo fai.
    Ti sto leggendo da un po’ e fattelo dire, dovresti un attimo abbassare la cresta. Sembri un bravo ragazzo ma delle volte agisci e parli come un ragazzino che punta a vincere X factor.

    • Parliamo di problemi. L’ho fatto durante la campagna elettorale e soprattutto continuo a farlo ora, assieme ai tanti ragazzi della coalizione Noci Bene Comune.
      Credo però che disinformare i cittadini sulla divisione dei seggi sia un po’ disdicevole. Soprattutto se viene utilizzato come strumento per raccattare consenso in campagna elettorale. Non credi?