Perchè primarie, perchè Ventricelli.

Due saranno le domande a cui risponderò in questo post: perchè fare le primarie dei parlamentari e perchè scegliere Liliana Ventricelli.

La prima. Credo che il contesto politico in cui riversa il nostro Paese, sia uno dei più contorti e meno chiari degli ultimi tempi, soprattutto dopo che l’antipolitica ha divorato gran parte dei cittadini, portandoli nel partito dell’astensione o nel Movimento 5 Stelle che, dopo pochi mesi di vita, ha già i suoi primi terremoti e le sue prime crepe, in mancanza, come alcuni militanti ribadiscono, di democrazia decisionale sui temi e le scelte del movimento e viene mascherata dalla democrazia partecipativa delle “primarie online”.

Come avrete capito, le primarie ormai fanno gola a tutti, perchè è lo strumento cardine della nuova politica, dove il cittadino è al centro e può scegliere il suo rappresentante, che sia candidato premier o come accadrà il 30 dicembre in Puglia, per scegliere il proprio deputato e senatore (le date per ogni singola regione sono sul sito delle primarie – clicca qui). Noi, si proprio noi, noi ragazze e ragazzi impegnati nel Partito Democratico, nei Giovani Democratici, vogliamo cominciare a costruire il nostro futuro, una politica che sia capace di rinnovarsi non a colpi di rottamazione ma con le idee e i principi, ormai precari in una società delusa, giustamente, dalla politica della corruzione e dei privilegi, dai vari Fiorito, Lusi e Boni.

A concludersi, però, non sono solo le storie belle, noi vogliamo porre un freno a questo marcio nauseante che circola nella Cosa Pubblica, nelle istituzioni, per questo abbiamo raccolto il nostro coraggio e abbiamo scelto Liliana.

Perchè Liliana. Liliana Ventricelli non è un burattino, non è un soldato mandato al fronte a combattere una guerra che altri non si sentivano di poter affrontare.

Oltre alle capacità personali, alla sensibilità su temi importanti per il territorio e per le giovani generazioni che caratterizzano lo stile di Liliana e quanto fatto da lei sin d’ora, credo che sia necessario analizzare il senso, ciò che rappresenta la sua candidatura. Prima di tutto, partiamo dal primo step: perchè lei. La scelta su Liliana Ventricelli non è una scelta fatta a caso, con il criterio unico ed indiscusso del “è una donna. Punto e basta“. Io so con certezza e posso metterci la mano sul fuoco che il “perchè Liliana” è possibile illustrarlo attraverso le iniziative svolte sul territorio, l’attenzione e il lavoro spesi per la giovanile del PD e per la capacità di fare squadra, cosa fondamentale, di cui vogliamo farci portabandiera. Donna sì, ma ancor prima va messo il valore forte della passione che la contraddistingue e che ci accomuna tutti, tutti i Giovani Democratici Terra di Bari, tutti i Giovani Democratici della Puglia, tutti i Giovani Democratici d’Italia, pronti a prendere in mano il partito e il Paese, per ridare speranza e dignità alla politica, servizio per i cittadini e per il bene comune.

Noi sosteniamo Liliana e con lei in Parlamento entreranno i Giovani Democratici, la buona politica e la speranza di un ricambio generazionale solido e basato sulla meritocrazia.

[toggle title=”Chi è Liliana. Scoprilo cliccando qui!” state=”closed”] Sono nata ad Altamura il 12 gennaio 1986, ho conseguito la maturità classica e sono laureanda in giurisprudenza. Grazie alla primissima esperienza da rappresentante d’istituto, ho potuto scoprire la mia passione politica. Mi sono avvicinata per la prima volta a un partito – il Partito Democratico – nel 2008, avendo seguito da sempre con interesse le vicende politiche locali e nazionali. Dopo i primi mesi di militanza, nel luglio 2009 sono stata chiamata ad assumere il ruolo di segretaria del circolo dei Giovani Democratici di Altamura e dal 2010 faccio parte dell’esecutivo cittadino del PD. Ho sostenuto attivamente campagne importanti nella mia città, come quella referendaria in difesa dell’acqua pubblica e contro il nucleare, e sono stata tra i promotori – assieme ad altri giovani altamurani – della “Marcia per la Legalità” che ha coinvolto tutta la cittadinanza. Da quest’anno ho ricevuto la delega alla formazione politica dei Giovani Democratici della Terra di Bari e per questo mi sono impegnata nell’organizzazione del progetto “Finalmente Sud”. Insieme a ragazzi provenienti da tutta la provincia, abbiamo dedicato ore di approfondimenti sui maggiori temi ambientali e abbiamo costituito un gruppo di lavoro che ha studiato le criticità e le opportunità legate alla gestione del ciclo dei rifiuti nella provincia di Bari. Il 17 novembre, durante la manifestazione nazionale dedicata a “Finalmente Sud” e che si è tenuta nel capoluogo pugliese, ho avuto l’onore di presentare l’esito del lavoro svolto da tutti i ragazzi della provincia, alla presenza del segretario nazionale Pierluigi Bersani. Assumere oggi la responsabilità di rappresentare l’organizzazione giovanile in queste primarie per i parlamentari del Partito Democratico, mi riempie di orgoglio e di fiducia. Pagina Facebook [/toggle]
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Davide Montanaro

Posted by Davide Montanaro

Classe 1993. Laureato in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” nel 2017, con una tesi in Diritto Costituzionale comparato sulla salvaguardia dei Diritti fondamentali e della Privacy nella Rete e la tutela dei Nativi Digitali. È stato tra i 16 vincitori tra Europa, Medio Oriente e Africa, nel 2017, della Google Policy Fellowship su Privacy e Cyber-security. Attualmente è praticante avvocato su Data Protection e Cyber-security. Segretario metropolitano dei Giovani Democratici Terra di Bari e membro della Direzione nazionale GD.