A 14 anni vittima dell’inciviltà italiana

Roberto è stato l’ultimo, di una lunga lista di vittime dell’omofobia.
A 14 anni la fragilità è massima e massima è la responsabilità di chi ha distrutto psicologicamente quel ragazzo.

Certo, ora si invoca la legge contro l’omofobia, cosa sacrosanta, ma io ritengo che la principale arma sia l’istruzione e la costruzione di una cultura collettiva al rispetto dei diritti civili.

La politica ha delle responsabilità che oscillano dalla sfera legislativa alla sfera delle politiche scolastiche. Non finirò mai di dirlo.

(Visited 1 times, 1 visits today)
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •