Sì, lo so, è troppo lungo, ma vi chiedo di fare uno sforzo se ci riuscite. Leggetelo, anche non tutto in una volta, quando avete un po’ di tempo, leggete un paragrafo, ma fatelo fino in fondo. Mi piacerebbe che tutti voi commentaste qui sotto, cominciassimo a parlare, perché io a scrivere posso passarci anni, ma voglio ascoltare e anche se non sono segretario nazionale di nessun partito o un parlamentare, sono le idee che contano e che ci portano ad ottenere i più bei risultati. Grazie.

Non so cosa mi sta succedendo, prima avevo molto da scrivere, i pensieri mi frullavano per la testa, dovevo solo guardare lo schermo, pagina bianca e le dita si muovevano da sole per fissare per bene un concetto, due, tre e così via.

È iniziato il 2014 e quasi non ce ne siamo accorti, i problemi sono sempre gli stessi e non ci rendiamo conto che molto è cambiato dall’anno scorso: a gennaio scorso, al governo, c’era Monti, Berlusconi era in Parlamento, Pierluigi Bersani era il segretario del PD, ci stavamo preparando a vincere le elezioni, il giaguaro era bene in vista. Ci siamo dimenticati il sapone e…come lo smacchi il giaguaro senza sapone?!

Questo 2014 non mi sta emozionando. Direte voi: “È appena iniziato”, ma certo! Il problema è che ci portiamo dietro una cantilena che va oltre le facce, oltre i nomi, oltre tutto.

Elezioni annullate dal TAR, come quella in Piemonte, a seguito di firme false presentate da una lista a sostegno dell’attuale Presidente, Cota, mi fanno cadere le braccia. Ma come?! Dove è finita la tenacia dei leghisti, dai marmorei attributi? “Spazzeremo via tutto il marcio” diceva un’omino dagli occhiali rossi e con i baffi (no, non è una di quelle maschere occhiali-baffi che si vendono al supermercato, parlo di Bobo, non Vieri, ma Maroni). Come se non bastasse Matteo Salvini conferma: “Sono giudici di sinistra!”. E beh! Cambia la generazione, ma il concetto persiste.

Non mi emoziona più niente, tutto è l’eterno ritorno dell’uguale. Cosa c’è di nuovo? Un nome da pronunciare, un modo di operare, ma la strada è sempre quella, puoi camminare a passo svelto, saltellando, ballando un liscio, ma la strada è sempre quella e la meta non cambia.

Pensavo che il Governo Letta, dopo la fuoriuscita dalla maggioranza di Forza Italia, fosse nelle mani del PD. Mi sbagliavo.

Il Partito Democratico è una bella automobile, ma ha il vizio di stare sempre dietro alle altre, quasi sempre più piccole e lente e come sempre si schianta sugli ostacoli che le vengono lanciati addosso dalle stesse, per dispetto o per incoscienza da parte del PD. Usciamo dalla metafora e proiettiamoci nella realtà: quello che ha detto Alfano è l’ennesimo autogol che il Partito Democratico mette a segno.
Non dobbiamo meravigliarci che Alfano sia un bigotto conservatore, radicato nella cultura pseudo-cristiana (pseudo, perché credo che un vero cristiano debba tenere bene a mente il comandamento “ama il prossimo tuo come te stesso” e lasciare liberi gli uni dagli altri, perché nessuno può vietare a qualcuno di amare una persona o di costruirsi la propria vita come meglio crede), dobbiamo meravigliarci che il PD stia ancora con Alfano e che dopo questa ennesima dichiarazione non lo abbia preso a calci nel culo.
Sulla famiglia? Beh, credo che non ci siano mezzi termini: va esteso il diritto di sposarsi agli omosessuali, perché il matrimonio deve essere un diritto di tutti, senza preferenze per orientamenti sessuali e altro. Ma come si permette Alfano a difendere la famiglia? Fino all’altro ieri è stato al comando incondizionato di un soggetto che ha tradito la propria moglie millemila volte, sotto il vincolo matrimoniale. Basta cretinate (e indecenze).

I Giovani Democratici hanno fatto partire una nuova campagna nazionale contro tutto ciò che ci ricorda l’ei fu Gianfranco Fini: via la Bossi-Fini e la Fini-Giovanardi. Contro il razzismo e contro il proibizionismo. Abolire la Bossi-Fini non significa spalancare le porte all’immigrazione, perché alle persone che fuggono dalla guerra, dalle persecuzioni politiche e dalla povertà, con la Bossi-Fini si puliscono il culo (scusate il momento aulico).

Tenere ancora nascosto, non si sa da chi, il fenomeno della cannabis, ben presente in tutta Italia, è ridicolo. Giustamente, un ragazzo che fuma marijuana ci pensa due volte, perché una volta due persone, uno ormai nell’oltretomba (Fini) e l’altro al governo con il PD (Giovanardi) decisero di fare questa legge. Suvvia! Perché non prendere esempio dagli Stati Uniti? Perché non strappare dalla morsa della criminalità migliaia e migliaia di ragazze e ragazzi e regolamentare il tutto sulla base di leggi virtuose e affidabili?
Troppo rivoluzionario, meglio arrancare. Come sempre. Nel vuoto più assoluto.

Non mi emoziono più a leggere un giornale, un titolo su qualche sito d’informazione, mi sembra di aver mandato indietro l’orologio di qualche mese, anno, e di ritrovarmi sempre lì. Litigi, riappacificazioni, “mi dimetto”, “no, ci ho ripensato”, “alle urne!”, ormai un libro già letto e riletto.

E mi dispiace per Renzi, ma se pur nobile il suo tentativo, non può mascherare il suo piano per l’occupazione con un termine inglese. Abbiamo una lingua bellissima, usiamola! Il piano per il lavoro si chiama “Piano per il Lavoro” e non “Job Act”. Il modo come chiami le cose, rende il concetto della chiarezza delle cose stesse. Mica vado in pescheria e chiedo del “fish”, ma gamberetti, cozze e chi più ne ha più ne metta.
Insomma, non fa male semplificare il tutto, parlando come mangiamo. Ci siamo ingarbugliati abbastanza nel politichese e nei paroloni, ma non ricadiamo nell’anglo-communication.

Non mi emozioni più, ma la passione mi fa battere il cuore, con la febbricitante attesa di ritrovarle, quelle emozioni, in qualcosa di veramente rivoluzionario, senza doppi termini e senza cambiare il nome alle cose. Sincero, semplice e allo stesso tempo accattivante.

(Visited 5 times, 1 visits today)
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •