Quei muri, esempi disgustosi di una generazione perduta

Che brutto esempio. La Gran Bretagna costruirà un muro alto 4 metri e lungo più di 1km, nei pressi di Calais, vicino al “The Jungle”, il campo profughi a nord della Francia. Non so come abbia potuto, il Governo francese, permettere la sua costruzione. Donald Trump, dall’altra parte dell’Atlantico, vuole costruire un muro tra Stati… Leggi tutto Quei muri, esempi disgustosi di una generazione perduta

Prima la politica. Poi le armi. Forse.

Prima la politica. Poi, semmai, le armi. Non il contrario. Come non essere d’accordo con la posizione assunta dal nostro Paese riguardo l’intervento militare in Siria, Iraq e Libia. Responsabilità significa porre questioni politica prima di quelle militari e il nostro Paese sta dando lezione di politica estera a tutta l’Europa e a tutto l’Occidente.… Leggi tutto Prima la politica. Poi le armi. Forse.

Lettera a quella bistrattata della Sinistra

Cara Sinistra, ho deciso di scriverti perché non faccio altro che pensare a te dopo quello che è successo in Grecia e, soprattutto, dopo la reazione arrivata dal nostro Paese. L’altro giorno, mi soffermavo proprio su un quesito che ti riguarda: ma esiste un progetto simile a Syriza (o Podemos) in Italia, che abbia qualcosa di più di… Leggi tutto Lettera a quella bistrattata della Sinistra

Oltre i luoghi comuni

Per una volta, lasciamo le tastiere al proprio posto e leviamoci quella rabbia che ci fa dire cose, molte delle volte, esagerate e cattive sul nostro Paese. Ci sono tante cose che non vanno (ma che sono risolvibili), altre che funzionano e anche tanto, ma nessuno ha la voglia di sottolinearle, nessuno sembra più intenzionato… Leggi tutto Oltre i luoghi comuni

Non toccate Schengen!

Dopo gli ultimi attentati di Parigi, alla sede di Charlie Hebdo e ad un supermercato nel quartiere ebraico della capitale francese, la politica europea si interroga su quali possano essere le misure da adottare per rafforzare la sicurezza nel Vecchio Continente e soprattutto nei paesi membri dell’Ue. Marine Le Pen, leader del Fronte Nazionale francese,… Leggi tutto Non toccate Schengen!

Svalutare l’Italia?

E svendere il PD? (aggiungo io) A chiederselo è Francesco Cundari, su Left Wing. Dategli una lettura.

Condanna a morte

Avete presente quelle scene dei film in cui le secchiate d’acqua servono per svegliare le persone? Bene, immaginate che a dormire sia l’Italia e a buttare il secchio d’acqua sia l’Europa. Peccato per il sonno pesante del nostro Paese, perché a quanto pare non sia servito a nulla. Di cosa parlo? Dell’ennesimo schiaffone che noi italiani ci siamo presi in questo ultimo periodo. Uno schiaffone più che meritato, come sempre.
L’Unione Europea tira le somme e rileva che la corruzione di tutti gli Stati membri costa, in tutto, 120miliardi € circa e a fare da capolista c’è proprio l’Italia, con i suoi 60miliardi (e pensare che abbiamo pagato l’IMU per racimolare due miseri miliardini).