La politica non è un gioco

Io mi sto divertendo molto in questa campagna elettorale, soprattutto nel vedere il vero volto delle persone, di quelle che hai sempre creduto vicine e che ora, per “accontentare” il parente di turno – messo in lista per far numero e senza un briciolo di programma e direi anche senza la ben che minima esperienza precedente alle elezioni – preferiscono disperdere i voti e prendere come obbligo quello di sostenerlo. Tutti politici e tutti con l’amore per la propria città. Ma scièteve a cucuè!

Comunque, mi è giunta notizia che il centrodestra sta già parlando di poltrone, girano già i nomi dei possibili assessori. Ma di questo lascio che se ne occupino gli altri, io preferisco fare politica. Nei miei limiti, sia chiaro.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •