Ma che? Davvero?

SEL e M5S, quasi sicuramente – stando a dichiarazioni provenienti da Montecitorio – voteranno sin dal primo scrutinio (29 gennaio) Romano Prodi, come successore di Giorgio Napolitano, al Quirinale.

Una mossa che, se colta in tempo, potrebbe riequilibrare il Parlamento e tutte le Istituzioni, garantendo l’elezione di un Presidente della Repubblica a grande maggioranza (servono 672 voti), forte della sua elezione al primo turno. Perciò, PD, non pensarci due volte e basta 101.

In questo caso, perdonatemi, ma Berlusconi lo lascerei sul ciglio della strada.

Ps. Proponete Gianni Letta e mi incazzo.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •