Il discorso di Sergio Mattarella

Il testo integrale pronunciato da Sergio Mattarella a Montecitorio durante la cerimonia di giuramento come presidente della repubblica.

Signora presidente della camera dei deputati, signora vice presidente del senato, signori parlamentari e delegati regionali,

Rivolgo un saluto rispettoso a questa assemblea, ai parlamentari che interpretano la sovranità del nostro popolo e le danno voce e alle regioni qui rappresentate.

Ringrazio la presidente Laura Boldrini e la vice presidente Valeria Fedeli.

Ringrazio tutti coloro che hanno preso parte al voto.

Un pensiero deferente ai miei predecessori, Carlo Azeglio Ciampi e Giorgio Napolitano, che hanno svolto la loro funzione con impegno e dedizione esemplari.

Ma che? Davvero?

SEL e M5S, quasi sicuramente – stando a dichiarazioni provenienti da Montecitorio – voteranno sin dal primo scrutinio (29 gennaio) Romano Prodi, come successore di Giorgio Napolitano, al Quirinale. Una mossa che, se colta in tempo, potrebbe riequilibrare il Parlamento e tutte le Istituzioni, garantendo l’elezione di un Presidente della Repubblica a grande maggioranza (servono 672 voti),… Leggi tutto Ma che? Davvero?

Sondaggio: Chi vorresti come Presidente della Repubblica?

Giorgio Napolitano si è dimesso ieri, dalla carica di Presidente della Repubblica. La più lunga presidenza della Storia repubblicana. Adesso, tutta la politica sarà impegnata a scegliere il/la suo/sua successore/succeditrice. E voi, chi vorreste vedere salire al Quirinale? Max. 3 risposte Ps. Altre preferenze? Commentate!

Campagna elettorale a 5 stelle extraDux

La campagna elettorale pare incominciata per il Movimento 5 Stelle. Le mura del Parlamento non reggono il populismo dilagante che ci stanno propinando in questi giorni attivisti, parlamentari e televisioni. C’è chi fa promesse, chi si rimbocca le maniche e chi invece preferisce chiedere la messa in stato d’accusa (non impeachment!!) del Presidente della Repubblica o chiedere le… Leggi tutto Campagna elettorale a 5 stelle extraDux

Perché mi incazzo

Questa mattina ho presentato la mozione “Civati per L’Italia”, con emozione e soprattutto un risentimento forte, dentro di me, dovuto a questa battaglia congressuale, che poteva e può essere svolta sui temi cari al PD e al Paese, ma che invece si sta dimostrando una battaglia a suon di legnate interne. Ed io mi incazzo, perché sogno un partito diverso. Lo sogniamo in molti.
Cosa voglio dire è molto semplice: la situazione nei circoli pare incresciosa, una falsa competizione pre-primarie, dove gli interessi di corrente vengono prima di qualsiasi altro tipo di obiettivo comune. Queste convenzioni sono una pagliacciata. Sapete perché? Perché è l’occasione per i notabili locali di procedere ad una conta e ad una strumentalizzazione del voto.

Presidenzialismo un par de ciufoli

Ok, faccio parte di quell’ala “anti-progressista” del Partito Democratico che non vuole assolutissimamente sentir parlare di presidenzialismo e di riforme costituzionali. Berlusconi non vede l’ora di poter mettere mani sull’elezione del Presidente della Repubblica, ma ancora di più sulla Costituzione, quel Documento laicamente sacro che più volte gli ha messo il bastone tra le ruote,… Leggi tutto Presidenzialismo un par de ciufoli

Laura Boldrini sings “Naprodotà”

Poi dite che uno non si deve flashare. Giusto per rendere il tutto musicalmente appetibile.

Per chi se lo fosse perso

ecco qui il discorso integrale di Giorgio Napolitano, fatto alle Camere riunite, nel giorno del suo (secondo) giuramento.